Fondazione Emanuela Zancan Onlus

Accedi per acquisti e download

Giovani irregolari tra marginalità e devianza

Prezzo (IVA inclusa): €0,00

Quantità

Anno di pubblicazione: 2010
Autore: Regione Emilia-Romagna. Il Difensore Civico e Zancan Formazione Srl
Numero di pagine: 319
Editore: Regione Emilia-Romagna
Collana: Quaderni della Difesa Civica n. 6

In questi ultimi anni appaiono in crescita i segnali di disagio che provengono dagli adolescenti con un progressivo, e parallelo, crescere dell’allarme sociale intorno ad essi, fino a ritenere di essere di fronte ad una “emergenza educativa”.
Oggetto di particolare attenzione del mondo degli adulti sono, soprattutto, i comportamenti a rischio e, in generale, le condotte “irregolari”e/o quelle devianti. L’allarme sociale focalizza in particolare modo l’attenzione sulle storie degli adolescenti non italiani, delineando una possibile equazione – valida non soltanto per i giovani- tra condizioni di immigrazione e messa in atto di comportamenti a rischio o devianti.
Uno degli elementi di maggior criticità è la difficoltà di costruire azioni preventive serie e adeguate quando il sistema culturale di riferimento in cui gli adolescenti vivono, crescono e si socializzano propone loro, costantemente, un modello di vita basato proprio sul rischio, vissuto come una componente positiva della vita degli individui.
Questo tema costituisce un importante punto evolutivo della riflessione e delle prassi inerenti le politiche sociali di prevenzione del disagio e della devianza.

Introduzione: perché una ricerca sui procedimenti amministrativi

Parte prima. Adolescenti, comportamenti irregolari e misure amministrative
1. Comportamenti a rischio e rischi di coinvolgimento nella devianza
2. La riscoperta delle misure amministrative
3. Le misure amministrative in Italia: alcuni dati di contesto
4. Nuove ipotesi di lavoro: l’intervento del Tribunale dei minorenni di Bologna

Seconda parte. La ricerca
5. Finalità, obiettivi e metodologia del progetto di ricerca
6. I minori con provvedimenti amministrativi ai sensi degli art. 25 e 25 bis in Emilia-Romagna
7. Alcuni profili possibili
8. Approfondimenti

Terza parte. Le opinioni degli esperti sull’utilizzo dei provvedimenti amministrativi
9. Il punto di vista degli operatori dei servizi territoriali e degli Uffici Minori presso le Questure
10. Il punto di vista dei Magistrati della Procura Minorile e del Tribunale per i Minorenni

Conclusioni
Postfazione
Bibliografia di riferimento
Appendici (La scheda di rilevazione. I Partecipanti ai focus group)