Fondazione Emanuela Zancan Onlus

Accedi per acquisti e download

Il servizio sociale nelle zone sociosanitarie della regione Toscana

Download gratuito

Prezzo (IVA inclusa): €0,00

Quantità

Editore: Fondazione Zancan e Regione Toscana
Collana: Quaderni per la cittadinanza sociale 2/2011
Anno di pubblicazione: 2011
Codice ISBN: 978-88-88843-40-7
Autore: Fondazione Zancan e Regione Toscana
Numero di pagine: 36

In questo secondo quaderno della cittadinanza sociale proponiamo un primo approfondimento tematico, relativo alla capacità di risposta nel sistema di offerta del servizio sociale professionale.

I dati presentati sono il frutto della rilevazione realizzata con riferimento all’annualità 2008, alimentata dalle zone partecipanti all’iniziativa.

La legge regionale n. 41 del 2005, recante la disciplina del sistema integrato dei servizi alla persona, attribuisce al servizio sociale professionale importanti funzioni di presa in carico e di tutela nell’ambito del percorso assistenziale personalizzato.

L’articolo 27 della legge attribuisce alla programmazione regionale la funzione di definire  «le caratteristiche quantitative e qualitative dei servizi e degli interventi e le eventuali prestazioni aggiuntive atte ad assicurare i livelli essenziali delle prestazioni di cui all’articolo 4, ivi compreso il servizio sociale professionale, il segretariato sociale per informazione e consulenza e il servizio di pronto intervento sociale per le situazioni di emergenza» (comma 5, lett. b).

Il piano integrato sociale regionale 2007-2010, in attuazione di tale disposizione, individua il servizio sociale professionale tra gli interventi da garantire su tutto il territorio regionale, in termini di livelli base di cittadinanza, attraverso le seguenti fasi:

– prima fase: analizzare il monitoraggio sulla presenza degli assistenti sociali sul territorio, in modo da comprendere qual è lo standard medio di presenza rapportato al numero di abitanti;

– seconda fase: calcolo di indici di standardizzazione al fine di poter garantire una presenza ottimale del servizio sull’intero territorio regionale;

– terza fase: raggiungimento su tutto il territorio regionale del rapporto assistente sociale/popolazione ipotizzato.

Il sistema di monitoraggio ha permesso una prima ricognizione delle caratteristiche quantitative e qualitative del servizio sociale professionale presente nelle zone e i risultati sono presentati in questo quaderno.

I dati estratti dal sistema di monitoraggio permettono un’analisi dettagliata della presenza del servizio sociale professionale a livello zonale, in termini di: numero di assistenti sociali presenti, ripartizione degli operatori per target di bisogno nel ciclo di vita della popolazione, capacità di presa in carico (numero utenti), costo totale e procapite del servizio sociale professionale a carico del comune, costo medio per utente.

Tutte queste informazioni sono presentate nel quaderno in forma sintetica e analitica: dopo la tavola di sintesi dei risultati emersi a livello regionale, seguono le elaborazioni realizzate a livello zonale per le 22 zone che hanno collaborato al monitoraggio.

Il quaderno è gratuitamente scaricabile nell'area download.