Fondazione Emanuela Zancan Onlus

Accedi per acquisti e download

Io non mi arrendo. Bambini e famiglie in lotta contro la povertà

Prezzo (IVA inclusa): €18,00

Quantità

Autore: Fondazione Emanuela Zancan e Fondazione L’Albero della Vita
Numero di pagine: 184
Editore: Il Mulino
Collana: Sistemi di welfare
Anno di pubblicazione: 2015
Codice ISBN: 9788815260338

Come conoscere la povertà con le famiglie povere? Come cercare soluzioni che non siano soltanto «emergenziali»? Il volume parla di genitori e bambini poveri che esprimono potenziale positivo e generativo mentre ricevono aiuto. La lotta alla povertà è possibile non solo chiedendosi cosa serve e a chi, ma cosa aiuta e come. Non è un problema di quantità di risorse ma di combinazione di capacità, professionali e non professionali, per meglio finalizzare gli aiuti a disposizione. Il prestazionismo mortifica i talenti, non li valorizza e può umiliare le persone che quotidianamente lottano contro la povertà. La dignità di ogni persona, anche se povera, è valore umano fondamentale da riconoscere e valorizzare. Aver bisogno non significa essere più deboli e meno capaci. Significa essere chiamati ad affrontare situazioni molto difficili, al limite della sopravvivenza, e poterne uscire. È un messaggio del titolo «Io non mi arrendo». È il grido di libertà e di speranza che viene dai poveri.

Contenuti

Presentazione (Ivano Abbruzzi)

Introduzione (Tiziano Vecchiato)

Parte prima: Bisogni e capacità delle famiglie povere

1. Problemi, bisogni e risposte (Devis Geron e Tiziano Vecchiato)

2. Potenziali generativi (Cristina Braida e Tiziano Vecchiato)

3. I ragazzi ci parlano (Giulia Barbero Vignola e Cinzia Canali)

Parte seconda: Lottare con i poveri contro la povertà

4. Famiglie povere (Cristina Braida, Devis Geron, Martin Eynard, Roberto Maurizio e Gerolamo Spreafico)

5. Capacità territoriale di aiutare (Elena Innocenti e Gerolamo Spreafico)

6. Vuoti di risposta (Devis Geron e Roberto Maurizio)

Parte terza: Alla ricerca di soluzioni

7. Perché fare ricerca in questo modo (Cinzia Canali e Devis Geron)

8. Considerazioni guardando al futuro (Tiziano Vecchiato)

Riferimenti bibliografici

Gli autori