Fondazione Emanuela Zancan Onlus

Accedi per acquisti e download

Ripartire dai poveri.Rapporto 2008 su povertà ed esclusione sociale in Italia

Prezzo (IVA inclusa): €20,00

Quantità

Numero di pagine: 255
Editore: Il Mulino
Collana: Volumi con altri editori
Anno di pubblicazione: 2008
Codice ISBN: 978-88-15-12738-9
Autore: Caritas Italiana e Fondazione «E. Zancan»

L'ottavo rapporto su povertà ed esclusione sociale in Italia propone sin dal titolo una strategia di risposta all'interrogativo sollevato dalla precedente edizione: «Rassegnarsi alla povertà?».
Partendo da un'analisi dell'attuale capacità di risposta del nostro sistema di welfare, in termini sia di spesa sia di tipologie di intervento, il volume individua gli strumenti utili per costruire un nuovo e concreto approccio al problema della povertà.
I nodi da sciogliere sono molti, in un sistema che continua a privilegiare i trasferimenti monetari rispetto all'offerta di servizi e ad attribuire gli interventi di sostegno secondo criteri categoriali; un sistema privo di correlazione tra valutazione delle necessità e definizione delle risposte, con un uso inefficiente delle risorse, con disuguaglianze sempre crescenti.
La scommessa consiste nel «ripartire dai poveri»: vale a dire applicare seriamente il principio di equità sociale e di universalismo selettivo, mettendo al centro degli interventi di sostegno le persone più fragili.Offrire risposte adeguate a chi ha bisogno senza aumentare la spesa complessiva per la protezione sociale è una sfida possibile, se i centri di responsabilità interessati - istituzionali e sociali - sapranno affrontare il problema in termini di autentica collaborazione.

Contenuti

La definizione di un piano di lotta alla povertà: un impegno e una riflessione che continuano (Vittorio Nozza e Giuseppe Pasini).

Parte prima: Un piano di lotta alla povertà: strategie, fondamenti giuridici, sostenibilità economica (Maria Bezze, Cinzia Canali, Elena Innocenti e Tiziano Vecchiato): La spesa pubblica per assistenza sociale in Italia. Risorse limitate e male utilizzate. Il principio di universalismo selettivo e le conseguenze della sua applicazione. Riconversioni di spesa per azioni finalizzate al contrasto della povertà. Il quadro costituzionale e le prospettive di sviluppo delle proposte elaborate. Il contrasto alla povertà nei Lea sociali. Contenuti di azione regionale e locale: contraddizione e potenzialità.

Parte seconda (Nunzia De Capite, Giovanna Giuliano, Francesco Marsico e Antonello Scialdone): Rischio di disagio e variazioni regionali: un esercizio di misurazione a partir dagli indicatori di Laeken. Sulla dimensione territoriale degli interventi di assistenza e di lotta alla povertà. Immaginare un nuovo welfare per un paese che cambia. Il tempo della semina. Premesse di fondo e prospettive di lavoro per la realizzazione di un piano di lotta alla povertà.

Per non rassegnarsi alla povertà e recuperare il tempo perduto. Conclusioni [Vittorio Nozza e Tiziano Vecchiato]