Fondazione Emanuela Zancan Onlus

Accedi per acquisti e download

Rischio per l’Infanzia e Soluzioni per Contrastarlo

Download gratuito

Prezzo (IVA inclusa): €0,00

Quantità

Numero di pagine: 557
Editore: Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali
Collana: Quaderni della ricerca sociale 12
Anno di pubblicazione: 2011
Codice ISBN: 978-88-888-43-36-0
Autore: Cinzia Canali e Tiziano Vecchiato

Quali interventi mettere in atto per evitare l’allontanamento dei minori dalla famiglia? Quali i costi sostenuti a tutela dell’infanzia e con quali risultati? Sono solo alcune delle domande che trovano risposta in “Risc – Rischio per l’infanzia e soluzioni per contrastare l’allontanamento dalla famiglia”, studio nazionale coordinato dalla Fondazione «E. Zancan» di Padova e finanziato dal ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche sociali, Divisione III - Politiche per l’infanzia e l’adolescenza, a cui hanno collaborato le Regioni Abruzzo, Basilicata, Emilia Romagna, Piemonte, Toscana e Veneto. Lo studio completo è scaricabile dal sito del Ministero e dall'area download della Fondazione Zancan.

Introduzione

Contenuti del rapporto

Sezione 1 - Area altri paesi
Analisi e rassegna ragionata di studi ed esperienze straniere
Introduzione
La metodologia di lavoro utilizzata per l’area altri paesi (La ricerca in letteratura; Il gruppo internazionale di ricerca)
Lo stato del dibattito a livello europeo e internazionale
Sostenere i genitori per evitare l’allontanamento: esperienze significative in altri paesi (Esperienze in Paesi Europei; Esperienze in Paesi extra-europei)
Programmi di sostegno alle famiglie e prevenzione degli allontanamenti (Triple P: Positive; Parenting Programme; Multisystemic Treatment MST; Webster-Stratton; Home Start)
Indicazioni dal gruppo di ricerca internazionale (Indicatori sociali per Paese; Selezione di contenuti significativi)
Siti web analizzati
Riferimenti bibliografici

Sezione 2 - Area italiana
Analisi ragionata di letteratura e di esperienze
L’evoluzione delle politiche per l’infanzia, l’adolescenza e il rischio evolutivo (Da dove; Percorsi di ricerca; La famiglia problema e risorsa; Verso dove; Ridurre le condizioni di rischio nella prospettiva di RISC; Prevenzione del rischio e multi problematicità; Prospettive nel dibattito internazionale e sfide per il futuro; Urgenza di nuove soluzioni)
Riferimenti bibliografici

Sezione 3 - Area legislazione
Gli atti regionali in materia  di contrasto al rischio per l’infanzia
Introduzione
Il quadro costituzionale
Strumenti e metodologia di analisi
I risultati dell’analisi in 10 punti
Schede regionali
Riferimenti bibliografici

Sezione 4 - Area analisi economica
La spesa dei comuni per gli interventi per l’infanzia e l’adolescenza preventivi dell’allontanamento
I motivi di un’analisi
L’oggetto e la metodologia dell’analisi
La spesa
Riferimenti bibliografici

Sezione 5 - Area professionale
Introduzione
Il livello comunale (Analisi schede comuni; Specificazioni)
Il livello professionale (Specificazioni; Approfondimento 1 L’esperienza di un gruppo di assistenti sociali della Toscana; Approfondimento 2 L’esperienza di un gruppo assistenti sociali e di educatori del Piemonte)
Focus group con le regioni (Il focus group; Finalità e obiettivi; Il metodo; Alcuni dati quantitativi; Conclusioni)
Riferimenti bibliografici

Sezione 6 - Area sperimentazione
Ragioni e caratteri dell’esperimento (Complessità dei problemi; L’obiettivo culturale; La valutazione di outcome; Output e outcome; Una metodologia per una visione globale: del bisogno, delle responsabilità e degli esiti)
Significato e caratteri della sperimentazione sul campo (Le questioni poste dalla ricerca)
Criteri di inclusione e selezione (Definizioni e criteri di inclusione; Check-list per la pre-valutazione del rischio di allontanamento; Analisi delle schede di pre-valutazione)
Organizzazione della sperimentazione (Le componenti generali dello studio; Componente 2 – Modello S-P; Componente 3 – Confronto e Valutazione; Mappa strumenti Bambino/Ragazzo; Mappa strumenti Adulto)
Analisi dei casi arruolati (Qualità dei dati; Utilizzo del protocollo e adesione al modello proposto)
Dati demografici alla prima valutazione (T0) (Lo spazio di vita dei bambini/ragazzi considerati nello studio; La costruzione della mappa dei soggetti e delle risorse)
Sintesi dei risultati (Raccomandazioni date agli operatori; Analisi della domanda; Analisi del bisogno e definizione del problema; La visione globale delle condizioni di bisogno a T0; Piano delle attività; Verifica e valutazione)
Valutazione di efficacia e di appropriatezza (Quadro concettuale; 1) Indice di efficacia basato sulle scale di valutazione (Ev); 2) Indice di efficacia basato sui fattori osservabili (Eo); Indici di appropriatezza)
Approfondimenti sulla valutazione di efficacia e di appropriatezza (Relazione tra indice di efficacia basato sulle scale di valutazione e indice di appropriatezza; Campione ridefinito: appropriatezza ≥ 60)
Considerazioni di sintesi
Ringraziamenti
Schede regionali (Regione Abruzzo; Regione Basilicata; Regione Emilia-romagna; Regione Piemonte; Regione Toscana; Regione Veneto)
Considerazioni a cura delle regioni

Riferimenti bibliografici nelle sezioni del rapporto